EUROPA, Travel

IL CAMMINO MATERANO – Via Peuceta verso Matera

 

Il cammino Materano è una fantastica avventura dei cammini del sud Italia che mi ha lasciato delle forti emozioni. Non si tratta di un cammino tracciato nei secoli per raggiungere un luogo spirituale, come ad esempio Santiagio de Compostela, ma di una rete studiata e strutturata di vie secondarie romane, strade medievali, di tratturi e sentieri che hanno un’unica meta di arrivo in comune: Matera.

Il cammino Materano che è riconosciuto nell’Atlante dei cammini del Ministero dei Beni Culturali ed è un’occasione per scoprire la bellezza e la ricchezza di zone come la costa pugliese o le Murge (zona che amo immensamente),  ahimè per troppo tempo dimenticate e denigrate, che sono invece da sempre luogo della crescita culturale europea. Pensiamo soltanto ai viaggi, alle peregrinazioni, alle tratte commerciali che anticamente si sviluppavano al sud. Ecco, tutto ciò, è un patrimonio da salvare e custodire. Ed è per questo che mi son messo in cammino!

 

Il cammino Materano e la via Peuceta

 

Le sei vie per Matera 

Il cammino Materano ha 6 vie. Sono sei percorsi tracciati tra la Puglia, la Basilicata, il Molise e la Campania di diversa lunghezza e difficoltà, che arrivano tutti a Matera. Matera, punto d’arrivo simbolo della rinascita, città che più di ogni altra rappresenta il riscatto dell’intero sud. Un titolo, quello ottenuto nel 2019 come Capitale Europea della Cultura, che è orgoglio nazionale.

  • Via Peuceta: 170 km da Bari a Matera;
  • Via Ellenica: 300 km da Brindisi a Matera;
  • Via Jonica: 215 km da Taranto a Leuca;
  • Via Sveva: 210 km da Trani a Matera;
  • Via Dauna: da Termoli a Matera;
  • Via Lucana: da Matera a Paestum.

Ad oggi sono percorribili due vie: La via Peuceta e la Via Ellenica. Io ho percorso il cammino materano Via Peuceta.

 

Quando percorrere il cammino Materano?

Stiamo al Sud, pertanto le temperature sono completamente diverse dal resto d’Italia. Anche d’Inverno raramente si scende sotto lo zero, ma in città come Matera si può soffrire inaspettatamente un freddo non proprio confortevole. Al contrario d’estate, il caldo che domina queste zone può rendere più difficile il percorso, soprattutto perchè ci si trova spesso a camminare nel “nulla” (meraviglioso nulla, direi …), in praterie in cui neanche ci sono alberi per ripararsi da sole.

La primavera, per me,  rappresenta il periodo migliore. Inoltre in questo periodo la Murgia offre il suo massimo splendore con la fioritura di papaveri e altre piante spontanee e le distese di grano. Io ho percorso il cammino materano via Peuceta la prima settimana di Giugno e tutto sommato è ancora un buon periodo per camminare. Non ho sofferto troppo caldo e la sera, nelle città, si stava freschi.

Il cammino Materano e la via Peuceta

 

 

La via Peuceta 

La via Peuceta del cammino Materano è lunga 160 km, percorribili in 7 tappe. Si parte dalla Basilica di San Nicola a Bari e si arriva a Matera attraversando l’antico territorio della Peucezia (da qui il nome Peuceta) in cui la storia e la tradizione di questa Italia si fa più vicino a noi. Si cammina tra gli ulivi, immense praterie, trulli, masserie e splendide cattedrali romaniche di città medievali.

Un’esperienza nella natura e nell’arte che non dimentica però un altro aspetto importante di queste zone: l’enogastronomia. Preparatevi a bere dei vini e dei liquori densi dei sapori meridionali e ad assaggiare dolci e salati unici al mondo. Panzerotti, pasticciotti, conserve, sottolii sottaceti e il pane di Altamura famoso in tutto il mondo.

 

Il cammino materano via peuceta

 

Si può percorrere da soli il cammino Materano?

Una delle domande più frequenti quando si parla di cammini è se si può andare da soli. La mia risposta non può che essere: “Si, e bisogna andare da soli”. I cammini, qualunque essi siano, che abbiano una meta religiosa o meno, sono dei percorsi spirituali che ognuno di noi fa con se stesso.  Da sempre camminare è la pratica spirituale più forte e intima che esista. Mettersi in cammino non solo è l’andare verso una meta, ma è una sfida con se stessi, un modo per conoscersi, mettersi alla prova. Non è assolutamente necessario partire con qualcuno, durante il cammino non si è mai soli e solitamente si torna sempre a casa con dei nuovi amici. Inoltre è un’opportunità per ritrovare il contatto con la natura.

Sul piano organizzativo, il cammino materano, non ci lascia davvero soli! È ben strutturato sia dal punto di vista della segnaletica, che dell’accoglienza. Le frecce giallo e verdi che simboleggiano proprio i colori principali di queste zone, la natura, il sole, le spighe dorate … E la freccia è proprio una spiga che indica la meta. Sono ben evidenti e continuamente in manutenzione. Perdersi è davvero difficile! In ogni caso sul sito ufficiale potete scaricare le mappe GPX

Inoltre, in ogni tappa è presente un referente che ancora prima di partire, può aiutarti a organizzare il tuo cammino e poi, in loco, a risolvere qualsiasi eventuale problema. Contattando i referenti ricordiamoci di rivolgerci loro con uno spirito amichevole e di cortesia, sono dei volontari a disposizione del pellegrino!

 

Il cammino Materano e la via Peuceta

 

 

Dove dormire sul cammino Materano?

In ogni tappa ci sono diverse forme di accoglienza, dai donativi ai B&B, passando per strutture religiose e ospitalità domestica. E i prezzi naturalmente variano a seconda della categoria:

  • gli ostelli sono le soluzioni più semplici, con letti a castello, bagni in comune e lavanderie. Prezzo: 15-20 euro a notte. Tra questi ci sono anche i donativi, ossia strutture che richiedono semplicemente una donazione. Mi raccomando: i donativi non sono gratis, va lasciata un’offerta che serve per la manutenzione della struttura stessa.
  • proprio a donativo troviamo a volte le accoglienze domestiche, ossia famiglie che per puro spirito pellegrino e di accoglienza apre le porte della propria casa e tavola. Oltre alla donazione, che secondo me può essere come quella per un ostello, vi assicuro che va dedicato anche un po’ di tempo alla famiglia per parlare, conoscersi e raccontare le proprie vite. Sono i momenti più belli che ho vissuto in questo cammino.
  • non mancano certamente i B&B. Se avete desiderio di una sistemazione più “formale” non faticherete a trovarne in ogni tappa. Sono gestiti in maniera molto professionale ma comunque con uno spirito amichevole, tipico del pellegrino. I prezzi possono essere sui 30 euro per una singola e 40-50 euro per una doppia.

 

Il cammino Materano e la via Peuceta

 

 

La credencial e il testimonium del pellegrino 

La credencial è il documento ufficiale del pellegrino, grazie alla quale si attesta la propria percorrenza e si può accedere alle strutture ricettive, in particolare agli alloggi donativi. Ad ogni tappa si mette il timbro che troverete negli ostelli, nei bar, nelle chiese ma soprattutto dal referente di tappa. La credencial del pellegrino si può richiedere sul sito oppure scrivendo direttamente a camminomaterano@gmail.com rilasciando una donazione. È importante sapere che tutto il ricavato va esclusivamente per la manutenzione del cammino stesso.

Il Testimonium è invece il documento finale, l’attestato che hai compiuto il tuo cammino. Si ritira a fine cammino e si riceve solo se avrete percorso almeno 100 km. Ha un costo di 3 euro.

 

E lo zaino del pellegrino?

È un’altra domanda frequentissima: lo zaino! Come prepararlo? Quale scegliere? Cosa portare … Non vi lascio senza questa informazione, anzi … ho preparato un video ad hoc per voi!

 

E poi … e poi basta, bisogna partire! I cammini non si debbono preparare tanto, perchè il cammino lo si fa mentre si cammina! Ricordati sempre che la prima cosa e la più importante da mettere nello zaino sei tu! Tu sei unic*, tu conosci le tue esigenze, i tuoi ritmi, il tuo passo. Tu sol* conosci la motivazione per cui ti metti in cammino e vuoi raggiungere la meta. Non c’è pellegrin* più brav* di te, più espert* o motivat* … ci sei tu, con la tua storia e le tue motivazioni. E tutto il resto non conta!

Non mi resta che augurarti buon cammino. Un cammino buono e lento … che sappia di spensieratezza, riflessione e di gioia.

Ultreya! 

Manolo

 

Il cammino Materano e la via Peuceta

 

 

Se hai voglia di leggere altre esperienze e consigli di chi ha effettuato il cammino Materano, dai un’occhiata all’articolo di Cecilia Mercadante di “A piedi il mondo“”. Le sue informazioni mi sono state utili nel momento in cui stavo organizzando il mio camino e poi ho avuto il piacere di conoscerla proprio in una tappa, ad Altamura.

 

cammino Materano e la via Peuceta

cammino Materano e la via Peuceta

 

 

Seguimi anche su Instagram